Scuola Secondaria di primo Grado ” Dentro Caravaggio “

Noi, ragazzi di terza  il 29 settembre ci siamo immersi nella bellezza, proprio “dentro” le opere di Caravaggio, uno dei più significativi artisti della pittura europea del Seicento, esposte al  Palazzo Reale di Milano. Abbiamo osservato venti quadri bellissimi, che erano affiancati ( cosa insolita che ci ha colpito moltissimo) dalle rispettive immagini radiografiche che permettevano di scoprire le varie fasi creative, gli strati di pittura, i tratti di disegno, i rifacimenti e gli aggiustamenti della composizione, insomma il percorso “nascosto ” e vivo del lavoro di questo artista, come nel quadro ” Buona Ventura” in cui si vede che là dove c’è la zingara, c’era una Madonna a mani giunte.

Se si osservano con attenzione i volti e i gesti dei personaggi che Caravaggio dipinge, si scopre che con grande realismo raccontano storie dense di sentimenti ed emozioni. Ogni particolare non è dipinto a caso, ma è ben pensato, la punta del suo pennello è stata capace di scolpire luci e ombre, creando opere così reali che sembrano quasi vere, i popolani del suo tempo, scelti come modelli, sembrano “uscire” dai quadri come per coinvolgerci e renderci partecipi di ciò che stanno vivendo in quel momento. Ci hanno colpito i colori forti ma nello stesso tempo le sfumature, la luce che si contrappone all’ ombra, i particolari e gli oggetti messi in risalto per sottolineare ciò che provavano i personaggi degli episodi rappresentati nei quadri. E  tutte queste tecniche ci hanno permesso di immedesimarci…….abbiamo provato l’orrore di Giuditta quando taglia la testa ad Oloferne, il desiderio intenso di Marta di convincere la sorella a cambiare vita, il dolore del ragazzo morso dal ramarro e così via. Incontrare un artista come Caravaggio è stata un’occasione significativa perché “dentro” i suoi quadri abbiamo intuito l’esperienza, forse talvolta drammatica, di un uomo, come tutti noi, alla ricerca del significato vero della vita e della battaglia per conquistarlo.

 

Matteo Guerra  e Lorenzo Bertagnolli 3A , Elisabetta Miccoli e Fabbrocini Annarita 3B