Nelle scuole della Fondazione Mandelli Rodari l’incontro con la lingua inglese inizia già alla scuola dell’infanzia, e si sviluppa durante tutto il percorso scolastico, fino alla scuola media, secondo un metodo coerente e unitario, con modalità e proposte didattiche specifiche adeguate ai diversi livelli di scuola, che garantiscono una graduale crescita delle competenze linguistiche.

L’inglese alla Scuola dell’Infanzia

La plasticità fonologica del bambino tra i 3 e i 6 anni è indiscutibile: l’inserimento della lingua straniera alla scuola dell’infanzia favorisce l’impostazione di una corretta pronuncia, e l’utilizzo del gioco, del canto e dell’attività motoria aiutano l’insegnante a suscitare l’interesse dei bambini nell’apprendere una lingua diversa dalla loro.

L’insegnante di inglese, presente in ogni classe 3 ore alla settimana, propone ai bambini, suddivisi in piccoli gruppi secondo le diverse fasce d’età, attività esperienziali o attività motoria pomeridiana in inglese, per favorire un approccio diretto e veicolare alla lingua.

L’inglese alla Scuola Primaria

La lingua inglese nella scuola primaria offre al bambino tra i 6 e gli 11 anni, naturalmente aperto al nuovo, uno strumento per aumentare la sua capacità di conoscenza e di azione nel reale. A partire dal primo di scuola l’insegnamento della lingua inglese viene proposto secondo il metodo veicolare come esperienza di comunicazione.

Il lavoro dei docenti di inglese è supportato dalla presenza dell’insegnante madrelingua, e permette di familiarizzare con la lingua inglese secondo un metodo esperienziale prevalentemente orale-comunicativo. L’apprendimento dell’inglese è inoltre inserito in attività didattiche multidisciplinari, che assicurano la trasversalità orizzontale tra le discipline.

L’inglese è proposto 3 ore alla settimana in prima e seconda, e 4 ore alla settimana in terza, quarta e quinta.

Il programma di potenziamento della lingua inglese alla scuola primaria prevede, per 1 ora alla settimana in tutte le classi, un lavoro a piccoli gruppi con l’insegnante madrelingua, esclusivamente dedicato alla comunicazione orale.

L’inglese alla Scuola Secondaria di I grado

La lingua inglese come disciplina scolastica consente l’incontro con culture diverse dalla propria e attiva la comprensione dei fattori socio-culturali che intervengono nella comunicazione, perché gli studenti siano consapevoli dell’importanza dell’adeguatezza e proprietà del registro linguistico in base al contesto comunicativo.

Nella scuola secondaria di primo grado l’insegnante guida l’alunno a riconoscere gradualmente, rielaborare e interiorizzare modalità di comunicazione e regole della lingua che egli applicherà in modo sempre più autonomo e consapevole, e a sviluppare la capacità di riflettere sugli usi e di scegliere tra forme e codici linguistici diversi quelli più adeguati ai suoi scopi e alle diverse situazioni, lavorando orizzontalmente su competenze generali e verticalmente su competenze specifiche.

Per potenziare l’apprendimento della lingua inglese, in particolare nel suo aspetto comunicativo, in ogni classe per un’ora la settimana, un insegnante madrelingua affianca il docente di lingua inglese. Nelle classi terze l’ora di compresenza dell’insegnante titolare e dell’insegnante madrelingua è utilizzata per la preparazione delle certificazioni internazionali.

CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI

Tutti ragazzi di terza media sono invitati alla fine del loro percorso scolastico a sostenere l’esame di certificazione internazionale in lingua inglese KET (Key English Test – livello A2); gli alunni che hanno raggiunto un livello di competenza superiore sono invitati a sostenere il PET (Preliminary English Test – livello B1).

Per i ragazzi è un’ottima occasione per prendere coscienza della propria capacità di comprensione e di comunicazione della lingua inglese, in relazione ai parametri europei di valutazione delle competenze.