Scuola Secondaria di Primo Grado-Let’s take some fresh “Eire” in Dublin! Studiare l’inglese sui banchi e all’aria aperta.

Dal 9 al 23 luglio un gruppo di 14 ragazzi e ragazze accompagnati dalla professoressa Garavaglia si è recato in vacanza studio a Dublino. La proposta comprendeva ore di lezione con insegnanti madrelingua e classi internazionali, un corso di teatro, pomeriggi sportivi, visite guidate a musei e siti culturali, serate di canti e balli tradizionali e tanto altro….. L’alloggio era presso famiglie irlandesi. Un pacchetto molto ricco e composito per permettere ai ragazzi un approccio alla lingua inglese a tutto tondo.

“Un avviso su carta, una proposta, un interesse, un sì, vuoi stare in casa con me a Dublino?, dei mesi di attesa, una valigia, uno zaino, un dizionario d’inglese, l’arrivo in aeroporto, le raccomandazioni, tiro fuori la carta d’identità, ciao mamma, ciao papà, qualche abbraccio, le mie speranze, le mie incertezze, la mia curiosità; un biglietto aereo, prendo posto. L’aeroplano si stacca da terra e dal finestrino vedo scappare l’Italia; poi ecco l’Irlanda. Cosa mi aspetta? Scendo dall’aereo, un breve viaggio in pullman, con tutti i miei bagagli cammino per la prima volta davanti alla scuola, l’Emerald, che frequenterò nelle prossime due settimane. Mi avvicino sorridente all’auto puntuale della nostra host-mother, guardo la mia amica con cui starò in casa. Salto in macchina, emetto i primi monosillabi in inglese, in risposta alle semplici domande della signora. Entro in casa, inspiro profondamente quell’odore nuovo di legno che inonda l’abitazione. Faccio infine l’ultimo passo per entrare in camera. Esclamo, rivolta alla mia compagna di stanza: “In che guaio ci siamo cacciate?”È stata un’esperienza unica, un’occasione speciale. Nuova, di sicuro. Sono state due settimane davvero ricche di esperienze di diversi tipi. È stato emozionante e davvero interessante. Provateci almeno una volta nella vita, perché potreste incontrare qualcosa di diverso e sensazionale.” Teresa Ruggiu

“ Quest’estate ho colto l’occasione proposta per migliorare e approfondire il mio inglese direi abbastanza fragile, anche se due settimane sono volate! A Dublino sono stata ospitata da Ms Lee, una dolce ed accogliente signora sulla sessantina che si è rivelata subito molto simpatica e premurosa. Con lei ho trascorso molto tempo a chiacchierare, era fantastico sentirla parlare un inglese diverso da quello a cui ero abituata vista la situazione comunicativa così diversa dalla scuola. La scuola Notre Dame, a mezz’ora da casa, ha una struttura ampia, suddivisa in tre piani, piena di aule e laboratori dove oltre allo studio si alternavano corsi di: musica e teatro… Oltre che in aula, abbiamo trascorso molto tempo all’aperto sul campo: rugby, football, volleyball… ogni giornata scolastica si apriva e si chiudeva con canti della tradizione irlandese e preghiere…. Tutto rigorosamente in inglese!” Elisabetta Miccoli

“Quest’estate ho trascorso la vacanza più bella della mia vita, spassosa e allo stesso tempo molto istruttiva!. Grazie a questa esperienza sono riuscito a migliorare la mia capacità di comprensione in lingua inglese e anche a migliorare il parlato, ma soprattutto ho conosciuto molte persone con cui ho stretto amicizia. La mattina veniva trascorsa a scuola. Nel pomeriggio invece facevamo sport e teatro, oppure andavamo nel centro di Dublino. Ad esempio un giorno siamo andati a vedere lo stadio di hurling e del calcio gaelico, due interessanti ed insoliti sport irlandesi. Abbiamo anche a visitato il museo di Dublinia dove ci è stata raccontata la storia dei vichinghi e della Dublino medievale. Al Trinity College abbiamo visto una biblioteca enorme. Il Viking Tour invece ci ha permesso di girare la città indossando elmi da vichingo a bordo di un pullman scoperto a forma di barca vichinga che ad un certo punto è entrato nelle acque del fiume, si trattava infatti di un pullman anfibio, mostrandoci angoli di Dublino mentre galleggiavamo sul canale come fossimo su una vera e propria barca. Anche il weekend tra le due settimane di permanenza è stato ricco di proposte. Ci siamo infatti recati nel sud dell’isola a visitare antichi castelli e fortezze.” Alessandro Ardigò

“È stata un’esperienza fantastica ed indimenticabile e la consiglio a chiunque, sia a chi è bravo in inglese, sia a chi, come me, non lo è. Mi sono sforzata di parlare in inglese il più possibile, ed ora mi ritrovo persino a sognare in inglese! E nei momenti difficili la professoressa era sempre disponibile al mio fianco” Sara Sicignano

“L’esperienza di Dublino è stata stupenda, perché ho imparato l’inglese, facendo allo stesso tempo molte nuove amicizie. La famiglia che ospitava Martina e me aveva molti bambini, ed è stato utile e piacevole parlare molto con loro. A rendere indimenticabile questa vacanza ha contribuito anche il fatto che fosse la prima volta in cui ho preso l’aereo senza i miei genitori: ero agitatissima alla partenza, ma al ritorno, invece piangevo per la nostalgia dei bei momenti trascorsi nelle due settimane!” Letizia Rizzi